Prototipazione virtuale

Lo sviluppo e la prototipazione di nuovi prodotti sono attività molto onerose sia in termini di risorse umane che d’infrastrutture. Generalmente le piccole-medie imprese (PMI) non riescono a sostenere i costi connessi se non attraverso finanziamenti o indebitamenti che spesso si rivelano non compatibili o non sostenibili con i piani di sviluppo aziendale. Nonostante questo, le PMI non possono rinunciarvi, siccome prodotti nuovi ed innovativi spesso sono determinanti per il successo di mercato.

Come possono essere risolti questi problemi?

La prototipazione virtuale (virtual prototyping) svolgerà in futuro un ruolo decisivo nello sviluppo di nuovi prodotti come strumento per effettuare test e modellazioni. Permettendo di rilevare velocemente errori e difetti di un prodotto, le imprese possono ricorrere meno a prototipi fisici e di conseguenza ridurre significativamente tempi e costi di sviluppo. La prototipazione virtuale è attualmente già applicata con successo in molti campi, tra questi si trovano l’industria automobilistica, ma anche il settore edile, la medicina e l’istruzione.

A chi si rivolge la prototipazione virtuale?

A livello intersettoriale a tutte le imprese, che svolgono attività di sviluppo del prodotto.

Obiettivi concreti

  • I servizi di prototipazione virtuale permettono alle imprese di controllare tutti i processi necessari per lo sviluppo e la modellazione di nuovi prodotti in un ambiente tridimensionale e virtuale.
  • L’utilizzo di un ambiente virtuale permette di mantenere una visione d’insieme nonostante tempistiche ristette e la complessità dei processi di innovazione che richiedono un approccio per tentativi ed errori
  • La prototipazione virtuale permette, indipendentemente dal grado di sviluppo del prodotto, alle PMI di servirsi del prototipo

Come si svolge il servizio?

Il processo del servizio di ricerca si svolge nelle seguenti fasi

Virtual prototyping_IT

Il primo passo nell’erogazione del servizio di ricerca consiste nell’informare il pubblico di settore sulle potenzialità e sui benefici dalla prototipazione virtuale.
In una seconda fase si identificano le necessità specifiche delle imprese, lo stato di sviluppo e le risorse che saranno necessarie per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Sulla base di questi dati si procede alla realizzazione del prototipo che è sviluppato attraverso tre passaggi. Il primo prevede la creazione di una riproduzione dell’oggetto attraverso software di modellazione 3D; nel secondo, si effettua una simulazione fedele delle prestazioni finali del prodotto e infine i contenuti delle fasi precedenti sono trasferiti in un ambiente virtuale.

Il seguente video mostra come la realtà virtuale influenzerà lo sviluppo di nuovi prodotti, servizi e molto altro ancora!

 

Qualora fosse interessato ad un supporto o ad ulteriori informazioni si rivolga a:

Sede tedesca: The Fraunhofer Institute for Industrial Engineering IAO
Telefono +49 711 970-01
www.iao.fraunhofer.de
antonino.ardilio@iao.fraunhofer.de

Sede italiana: Fraunhofer Italia – Innovation Engineering Center IEC
Telefono +39 0471 1966900
www.fraunhofer.it
info@fraunhofer.it